libri

Il duemilanove sarà l’anno della lettura.
A stabilirlo è stato il Ministero Supremo della Cultura che, suffragato dal Consiglio Generale delle Iniziative Quotidiane, ha emesso un decreto con decorrenza immediata: “almeno dodici libri per fine anno!“, ha dichiarato fiducioso il ministro.

Negli ultimi giorni dell’anno scorso, osservando la pila di libri regalati e considerando il pochissimo tempo speso nelle attività extracurriculari di lettura, ho promesso a me stesso che quest’anno avrei letto di più.
Dodici libri sono una cifra onesta, se non fosse altro che l’ho imposto come un limite inferiore: almeno dodici libri.
Ciò vuol dire che per ottemperare alla mia promessa dovrò leggerne qualcuno in più.
La scelta di tanti libri non è affatto un problema, dato che ho in mente tanti titoli che non vedo l’ora di leggere: la casa degli spiriti, cent’anni di solitudine, la trilogia in cinque parti di adam douglas, lo hobbit, il profeta, c’era una volta un re…ma morì, qualcuno con cui correre, il lupo della steppa e la sestologia delle cronache del ghiaccio e del fuoco, di cui m’aveva appassionato tanto il primo libro (da rileggere).
Poi vorrei rileggere il nome della rosa, alcuni capitoli di moby dick e soprattutto qualche classico, specialmente italiano.
Non voglio fare della lettura il mio baluardo, ma impiegare meglio il mio tempo che, purtroppo, molte volte viene sprecato in attività ludiche dal basso senso educativo oppure…no, un attimo, ma io non sono un moralista!
Okay, prometto che mi impegnerò, tutto qua.

Per non perdere tempo ho già iniziato e finito l’ombra del vento, ma le mie considerazioni sul tal romanzo di squisita fattura le rimando ad un altro post più specifico.
Detto questo, allungo le mani su una gradevole raccolta storica sull’evoluzione del mito del vampiro* e mi immergo nuovamente nella lettura.

*: il primo che mi nomina twilight verrà brutalmente assassinato dalla sottoscritta dramatis personae.

Annunci

2 Risposte

  1. Ciao, passavo di qui e non ho potuto fare a meno di notare che il tuo obiettivo è più che apprezzabile. Uno dei poche sani decreti usciti da quel ministero è questo e vale la pena rispettarlo. Un paio di libri che hai nominato li ho letti e meritano tipo Cent’anni di solitudine, Il nome della rosa.. nel mio caso è in coda L’ombra del vento, ma università permettendo prima o poi te ne saprò parlare e dirti come mi è sembrato. Concordo anche sulla messa al bando di Twilight o_O

  2. Ciao, ti ringrazio per la visita e per il sostenimento :).
    Ho già iniziato il fitto lavoro di lettura e sono già a quota quattro (di ‘sto passo duplicherò la cifra che mi ero ripromesso). Di quella lista ho letto “Ristorante al termine dell’universo” e “Qualcuno con cui correre”. Sono entrambi ottimi libri e te li consiglio vivamente.
    Mi piacerebbe molto parlarne con te, anche de “L’ombra del vento”, che ho trovato molto entusiasmante. Ultimamente non ho tante possibilità di intavolare discussioni su libri, dato che la gente troppo spesso è attratta da cose molto vacue!

    p.s.: sto prezzolando persone per formare un gruppo d’assalto per rapire e inviare su marte la scrittice di twilight, la cosa ti interessa? XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: